Rispondi a: Batteria LiFePo4

Home Forum FORUM ELETTRONICA ELETTRONICA GENERALE Batteria LiFePo4 Rispondi a: Batteria LiFePo4

#4272

Francesco Merenda
Partecipante

Salve, grazie per la risposta.
L’impianto, in realta’, e’ compost da due pannelli fotovoltaici e gli unici diodi presenti sono quelli sul positivo di entrambi i pannelli.
Quindi, pannelli + Regolatore MPPT+ Batteria LiFePo4 ….ovviamente, al regolatore poi e’ collegato pure il carico.

Non mi vorrei sbilanciare, ma , se ho capito bene la risposta, non credo sia possibile associare i positivi di pannelli e pala eolica, al di la del fatto che ci siano o meno dei diodi di mezzo. Sono due fonti di corrente che hanno caratteristiche diverse vanno gestite da regolatori diversi ( ad esempio, credo che parte della corrente eolica debba dissipata con delle resistenze a causa di potenziali picchi molto alti). In commercio, ci sono (pochi) dispositivi che gestiscono entrambe le fonti, ma all’interno credo abbiano circuiti ben separati.
Comunque, diciamo che al momento, come questi siano internamente, non e’ per me di rilievo.
Quello che a me interessa, e’ piu’ il lato batteria.
Ovvero, questi regolatori ibridi che gestiscono contemporaneamente eolico e fotovoltaico, che esistono e sono funzionanti, credo per un puro problema di ampiezza di mercato, non sono ancora arrivati a gestire batterie al Litio, ma sono arrivati sino alle AGM.

E’ qui che nasce il mio problema, su come siano costruiti i circuiti delle batterie…ovvero capire se una batteria LiFePo4, che normalmente potrebbe essere caricata esclusivamente da regolatori pensati per le batterie al Litio, se dotata di circuito BMS e/o PCB possa invece essere caricata con le stesse modalita’ con cui vengono caricate le AGM.
Chi le commercia, mi dice di si, che non c’e’ alcun problema e che viene fatto normalmente, ma dato che e io BMS e PCB li associo ad altre problematiche, sto cercando di approfondire la questione perche’, in realta’, di documentazione in giro, a partire da quella dei produttori stessi di batterie, ce n’e’ davvero poca.

Francesco Merenda