REGOLATORE VELOCITÀ PER MOTORI DC

Schema per Realizzare un Regolatore di Velocità per Motori DC con Segnale PWM…

 

 

 

 



 

INTRO

Il segnale PWM è un segnale ad onda quadra in cui il tempo nello stato alto può essere variato rispetto al tempo totale di periodo e questo viene indicato da un valore detto Duty Cycle.

Un Duty Cycle del 50% vuol dire che il tempo nello stato alto è uguale a quello nello stato basso, un DC del 25% invece vuol dire che il tempo nello stato alto è ¼ del tempo totale del periodo.

Un segnale di questo tipo ha un valore medio pari al valore massimo del segnale moltiplicato per il DC. Se si ha un picco di 12V con un DC del 80% è come avere una tensione continua di 9.6V.

Variando quindi il DC di un segnale e inviando questo segnale ad un motore in corrente continua o una ventola, questo è come se ha una tensione ai capi che dipende dal duty cycle, quindi si può variare la velocità. Il fatto che si invia un onda quadra non è un problema dal punto di vista del funzionamento visto che il tempo di accensione e spegnimento è molto piccolo perché solitamente si usano frequenze superiori a 20KHz.

 




 

SCHEMA

Lo schema è il seguente:

La tensione di alimentazione, continua e stabilizzata, può andare da un minimo di 5V ad un massimo di 15V. R4, R1, D1 e D2 formano il percorso di carica e di scarica del condensatore di temporizzazione C2, si usano due diodi Schottky per avere una minore caduta di tensione e poter avere un DC molto alto o molto basso. Si possono usare diodi al germanio o altri tipi di diodi Schottky, se proprio non si dispone di nessuno di questi tipi di diodi, usate un 1N4148.

Variando R1 varia il DC del segnale PWM.

C1 e C6 sono condensatori di filtro.

Il segnale PWM in uscita viene inviato al MOSFET Q1 di tipo N che amplifica in corrente il segnale PWM accendendo e spegnendo il flusso di corrente in base a questo segnale. Si può usare un LED a basso consumo con una resistenza di protezione che indica con la sua luminosità se il trimmer R1 è in posizione per avere la massima velocità o la minima.  Può essere usato qualsiasi mosfet di tipo N, l’importante è che deve supportare la corrente che serve al motore.

In alternativa se non si hanno dei mosfet di tipo N si può usare un transistor Darlington o uno normale di tipo NPN:

R7 devi avere un valore pari a (VDD* Hfe_trasistor)/(Corrente_motore), ad esempio con 12V, un trasistor con Hfe da 100 e un motore da 8A R7=(12*100)/(8)=2500 Ohm, quindi 2.2KOhm. C7 serve per avere fronti di salita e discesa non degradati.

 

DOWNLOAD

Potete scaricare la simulazione del circuito con MULTISIM14 al seguente LINK!!!



[Voti Totali: 4 Media Voti: 4.5]
REGOLATORE VELOCITÀ PER MOTORI DC ultima modifica: 2017-03-29T18:00:38+00:00 da ne555
Segui la Nostra Pagina Facebook: Facebook

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *