Batteria LiFePo4

Home Forum FORUM ELETTRONICA ELETTRONICA GENERALE Batteria LiFePo4

Questo argomento contiene 22 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  ne555 4 mesi, 2 settimane fa. This post has been viewed 537 times

Stai vedendo 8 articoli - dal 16 a 23 (di 23 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #4527

    Francesco Merenda
    Partecipante

    Mi son dimenticato di risponderti sui carichi…
    Allora, premesso che l’energia e’ come il denaro, ovvero non ce ne’ mai abbastanza, diciamo che ( se non ricordo male, perché al momento non ho i dati sotto mano) di base , ovvero perché l’impianto resti in vita, ho un consumo di circa 0,08 Ah a 12V…questo pero’ sale a seconda di cosa vado attivare…ho un secondo livello, tenendo accesi degli apparati aggiuntivi, in cui raggiungo gli 0,3 Ah e un terzo livello, aggiungendo altri apparati ancora, con cui arrivo a 0,5 Ah…
    Al consumo massimo, nei mesi estivi, non ho problema a tenere tutto acceso e avere sempre la batteria ben carica…mentre in tardo autunno/inverno, devo essere molto piu’ oculato e scegliere cosa fare in base all’andamento del tempo.
    Comunque, diciamo che i carichi sono bassi e, se trovassi il modo di fare alcune modifiche, potrebbero anche scendere ulteriormente …

    Francesco Merenda

    #4530

    ne555
    Amministratore del forum

    Ciao francesco, ho trovato una soluzione.
    Serve un circuito che sommi le potenze magneticamente, con un trasformatore e due ponti ad H.
    Allego schema. Ora va solo sviluppato:
    null

    • Questa risposta è stata modificata 4 mesi, 3 settimane fa da  ne555.
    #4532

    ne555
    Amministratore del forum

    Ci sono moduli già esistenti ma nn si sa se assorbono da tt e due le fonti o una sola, bisognerebbe indagare… se assorbi al massimo 0.5 su 12w sono 6W, se già il pannello solare te ne produce 20W in 10 ore sei circa apposta, poi si potrebbe trovare una pala con vento basso di attivazione e produci di notte, ma andrebbe cambiato lo schema della centralina dell’eolico

    #4533

    Francesco Merenda
    Partecipante

    Sulla somma magnetica delle potenze e sui ponti a H, stiamo a zero…e’ come se mi parlassi in arabo…:-)
    Sul secondo discorso, per esperienza diretta sono piu’ ferrato…al momento ho un pannello da 30 w e uno di rinforzo da 10 W ( diciamo che, essendomelo tirato dietro, facevo meno fatica a lasciarlo li, orientandolo in modo alternativo rispetto a quello principale, che a riportarmelo a casa ).
    Quindi, sulla carta, e in base ai consumi, ci starei dentro alla grande. Il problema pero’ e’ che, la somma del problema del cambio dell’inclinazione del sole al diverso arco che fa sull’orizzonte , durante l’inverno si abbassano notevolmente le rese ( in compenso pero’ aumenta il vento) e anche supponendo una giornata magnifica, in questa stagione difficile ottenere piu’ di 6/7 ore di buona resa sui pannelli….e a patto di essere in una posizione in cui hai la possibilita’ di orientarli in modo ottimale ( io, ad esempio, non ci riesco a beccare un bel SUD pieno, mi devo accontentare di un SUD-EST perché , il SUD-OVEST che l’ho coperto da uno sperone di roccia che nemmeno un rimorchio di dinamite potrebbe scalfire)
    Se a questo aggiungi che, dalla fine di settembre in avanti e’ difficilissimo avere una giornata senza una nuvola in cielo che rompa i maroni, fa si che la resa precipiti ulteriormente.
    Quindi, alla fine, se sulla carta anche un pannello da 20w potrebbe bastare, nella realta’ , in inverno, sono sotto la sufficienza anche i 40w che sto utilizzando…

    Francesco Merenda

    #4534

    ne555
    Amministratore del forum

    Allora il sistema ad accoppiamento magnetico che ti dico io nn so se esiste già costruito. su amazon vendono sistemi di questo tipo in particolare interessante è il controllo solare eolico, credo sia un semplice DC-DC converter con mppt e controllo della pala eolica che però fa passare una delle due fonti, non tutte e due, non credo sia un sistema così avanzato.

    Per la realizzazione del sistema da me detto ci vuole tempo perchè va ben progettato. Per ora ti consiglio di usare la soluzione con i diodi perchè è rapida e molto economica, devi solo comprare un altro diodo da 20A Schottky con bassa caduta di tensione (se vuoi lo cerchiamo insieme) e metterlo in serie all’uscita della pala eolica e poi collegare tutto insieme.

    #4538

    Francesco Merenda
    Partecipante

    Scusa, fammi tirare ad indovinare e chiedo perdono in anticipo per le inevitabili bestialita’ che diro’…
    Tu trasformeresti entrambe le fonti in forza magnetica che si puo ‘sommare che poi successivamente riconvertiresti in energia elettrica? …

    Francesco Merenda

    #4543

    ne555
    Amministratore del forum

    In pratica si trasforma la tensione DC del pannello e della pala in tensione AC, si invia ognuna al primario di un trasformatori con due primari e in uscita dovresti avere la somma delle potenze. detto così funziona, bisogna vedere poi se non si ha una efficienza troppo bassa e se è fattibile. Per ora andrei sul circuito a diodi, avrai una efficienza del 60% invece che del 80% però con le due sorgenti ottieni il tuo scopo, tanto la sera c’è sempre vento e qualcosa la riesci a raccogliere rispetto ai soli pannelli

    #4544

    ne555
    Amministratore del forum

    la mia idea era questa, però poi cercando sul giornale della linear tecnology ho trovato un integrato che credo sommi le due potenze, devo approfondire, sto avendo mille cose da fare.
    l’integrato è il seguente: http://cds.linear.com/docs/en/lt-journal/LTJournal-V26N4-00-df-LT8390-DawsonHuang.pdf a pagina 7 c’è la configurazione in parallelo ma in pratica dice che la tensione di ingresso è la stessa, non so se si posso far funzionare con tensioni di ingresso diverse tra i due integrati

Stai vedendo 8 articoli - dal 16 a 23 (di 23 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.